Eccolo finalmente il Bambino Gesù!! E’ tornato a nascere per noi, nonostante tutte le nostre mancanze d’amore, la nostra indifferenza, i nostri peccati! E noi  lo accogliamo con   due occhi nuovi, due mani nuove, due orecchie nuove, una bocca nuova, un cuore nuovo? Sì perché Natale è l’inizio del Nuovo, dell’UOMO NUOVO! Natale è la primavera dello spirito. A Natale soffia il vento della Pace, il vento della Gioia, il vento dell’Amore. Natale (quello vero, non quello  melenso, non quello della panna montata, non quello edulcorato come la Festa di San Valentino) migliora la vita. Sì questo Bambino viene per insegnarci ad impegnare bene la vita, non a pasticciarla. Questo Bambino sarà un vulcano, nei confronti del quale noi sembriamo tanti fornellini a gas.

Questo Bambino non dirà certe cose ma cose certe…avrà sempre sangue nelle vene. mai vaselina. Questo Bambino è venuto a scuoterci, per ricordarci di nascere ogni mattina con occhi, mani e   cuore umani , perché questo Bambino ci fa CAMMINARE!!!!

A Natale tutti si muovono. La Madonna si muove in fretta per andare dalla cugina Elisabetta, San Giuseppe va da Nazaret a Betlemme per farsi registrare al censimento, i pastori scendono in fretta dai monti per andare alla grotta, e che dire poi della camminata dei Re Magi che attraversano il deserto…e allora, se tutti si muovono, anche noi dobbiamo muoverci. Vivere senza passi è morire da ogni punto di vista.

Dal punto di vista fisico: camminare fa bene al corpo, contrasta le malattie vascolari, previene l’obesità. Dal punto di vista psichico : muovere fa bene all’umore, difende dallo stress.  Dal punto di vista spirituale: Camminare aiuta l’ispirazione, quando il piede si ferma, il cervello smette di sussurrare.  Insomma, “ è meglio consumare suola che guanciali e lenzuola” come recita un proverbio toscano.

Allora siamo pronti per camminare??? I nostri piedi saranno spinti dall’AMORE perché è proprio l’amore che ci fa camminare tutto il giorno senza stramazzare a terra.E’ l’amore che batte tutto.”La foresta non fa paura se si ama chi si va a trovare” ci dice ancora la sapienza africana.

E’ l’amore….perchè alla grotta, prima che con i piedi si va col cuore!!!

Camminare fa sempre rima con sudare e sovente con osare, lo notava Torino Bello  “Stiamo troppo attaccati allo scoglio, alle nostre sicurezze.Ci piace la tana.Ci attira l’intimità del nido.Ci terrorizza l’idea di rompere gli ormeggi, di avventurarci sul mare aperto ! “ E’ Natale, liberiamoci dal complesso dell’ostrica  ben fissa nelle valve: rompiamo le scatole e muoviamoci.

Scatola è l’automobile, scatola è l’ascensore, scatola è l’appartamento….rompiamo queste scatole e usciamo: sono migliaia coloro che aspettano il nostro sguardo, il nostro sorriso, la nostra parola! Rompiamo le scatole e andiamo per rispondere  alla richiesta di aiuto che ci viene  da lontano. Rompiamo le scatole ed andiamo a comprare un regalo personalizzato per tutti i membri della nostra famiglia. Anche questo devono fare i nostri piedi in questi giorni, perché c’è sempre più gioia nel dare che nel ricevere, perché stiamo andando incontro a Colui che è venuto per renderci felice la vita.

Anche i nostri bambini della scuola dell’Infanzia  venerdi’ 21 dicembre   nella loro recita natalizia,  parleranno di un Gesù che, stanco dei nostri comportamenti, decide di non tornare più a Natale ,ma poi vista l’insistenza degli angeli e delle stelle che invitano tutti a chiedere a Gesù di tornare  ancora per tutti coloro che hanno bisogno di un po’ di speranza, di un letto caldo e del cibo per sfamarsi, di un lavoro per far crescere i propri figli, di una pensione per campare da vecchi, decide  di revocare il suo sciopero e di tornare anche quest’anno sulla terra e far felici adulti e bambini.

Ancora una volta Gesù vuol dimostrare il suo grande amore per noi, ma noi siamo pronti ad accoglierlo!?!?!?!

A tutti il mio augurio insieme alla mia comunità perché per tutti voi sia un Natale di autentico amore.

AUGURI!!!!!
suor Nives

Lascia un Commento

bacheca3
desegni4
fiabe4